DECATASTROPHIZE

Il progetto Decatastrophize (Decat) ha preso avvio nel febbraio 2016 in seguito alla partnership fra diversi soggetti europei (European Research Institute, Cyprus University of Technology, Ciprus Civil Defense, Bureau de Recherches Géologiques et Minières, Foundation for Research & Technology, Technical University of Crete, Geoview system Ltd, GeoSolutions, Universidad de Alcalà) accomunati da un unico obiettivo: gestire e prevenire i rischi ambientali, attraverso l’implementazione di sistemi comuni che permettano di allertare e mettere in sicurezza i cittadini in caso di disastri naturali (come alluvioni o terremoti) o causati dall’uomo.

Decat si propone di adottare un’unica piattaforma comune ai Paesi partner che sia il risultato della combinazione di diversi sistemi informatici dotati di geolocalizzazione, capaci di dare l’allarme in tempi rapidi in caso di emergenza, così da permettere l’adozione di decisioni immediate e l’intervento della protezione civile. Un quadro operativo comune ha il pregio di semplificare la pianificazione cooperativa e di contribuire a migliorare la reazione alle situazioni di pericolo .

L’utilizzo di tali sistemi verrà testato sul campo attraverso simulazioni che verranno condotte in sei Paesi membri.

Nello svolgimento del progetto, ERI ha collaborato con la Protezione civile della Provincia di Alessandria, la Regione Sardegna e il Comune di Vittoria (Ragusa).

DONG FILM FEST

Il Dong Film Fest è il primo Festival italiano dedicato al cinema emergente e indipendente cinese, in programma al Cinema Massimo di Torino.

Il Festival si propone di far conoscere in Italia, partendo da Torino e il Piemonte, la cultura cinese attraverso il cinema e di creare un terreno fertile su cui fondare le premesse per una collaborazione sempre più stretta con la Cina, partendo dall’ambito artistico-culturale della produzione cinematografica. Il fine ultimo è consolidare un equilibrio comune a Italia e Cina, fondato su un senso identitario universale.

Il progetto è promosso dall’associazione culturale Dong, in collaborazione con lo European Research Institute – che ha collaborato alla progettazione e si è dedicato alla comunicazione dell’evento – l’Angi (Associazione Nuova Generazione Italo cinese), la Communication University of Shanxi, il Cinema Massimo di Torino, il DAMS di Torino, il Museo d’arte orientale, il Museo nazionale del cinema di Torino e la cooperativa sociale Kalatà.

Il Festival porta in sala opere prime realizzate da registi cinesi indipendenti (slegati, cioè, dalla propaganda istituzionale), oltre a cortometraggi, video arte, opere letterarie e di animazione grafica.
L’evento rappresenta solo la prima parte di un progetto internazionale più ampio mirato a creare un circolo virtuoso in cui lo scambio di visioni tra Italia e Cina, tra Occidente e Oriente, possa aiutare a comprendere le reciproche culture.

http://dongfilmfest.com/

SUPPORT TO LEGAL AID IN LEBANON

Il progetto Support to Legal Aid in Lebanon, partito nel 2015 e attualmente in corso, è stato sviluppato, in partnership con l’European Research Institute, da La Sagesse University, uno dei principali atenei di Beirut, attraverso la sua Human Rights Legal Clinic e il suo Centro Ricerche. L’obiettivo è migliorare la qualità dell’assistenza legale nel Paese.

La situazione risulta particolarmente preoccupante nelle prigioni e nei centri di detenzione dove, a causa anche di un incremento del numero di detenuti dovuto al grande afflusso in Libano di rifugiati siriani, i detenuti hanno scarse possibilità di usufruire di un servizio di assistenza legale di qualità, violando, così, i principi di equità e di giustizia.

Il progetto si prefigge, in particolare, di:

  • rafforzare la capacità degli stakeholder impegnati nel sistema di assistenza legale libanese di fornire servizi di qualità;
  • istituzionalizzare e modernizzare le strutture di assistenza legale implementate dalle Ong locali;
  • accrescere l’accesso delle fasce emarginate ai servizi di assistenza legale di qualità;
  • trasmettere ai libanesi le conoscenze e le migliori pratiche dell’Unione europea in tema di assistenza legale.

 

In particolare, nel raggiungimento di quest’ultimo obiettivo ERI giocherà un ruolo di primo piano. L’associazione metterà a disposizione il proprio bagaglio professionale, per fornire agli operatori locali la possibilità di mettere a punto un sistema di regole e procedure efficaci e funzionali, prendendo a modello i più alti standard europei e internazionali concernenti i servizi di assistenza legale.

Il lavoro di ERI e dei suoi partner estenderà il raggio d’azione dei servizi di assistenza legale in Libano e ne migliorerà la qualità, fornendo un sostegno concreto a livello istituzionale e consolidando in tal modo la promozione degli standard internazionali di salvaguardia dei diritti umani all’interno della società e del sistema legale libanese.

P.E.N.SO.

PROGETTO DI ECOEDUCAZIONE E NUOVE SOCIALITÀ

Il progetto di Ecoeducazione e Nuove Socialità (P.E.N.SO.) – presentato nell’ambito del bando “Fatto per bene” emesso dalla Compagnia di San Paolo – è il risultato del partenariato che coinvolge lo European Research Institute, i Servizi Sociali della Circoscrizione 1, l’Ufficio esecuzione penale esterna (UEPE) e l’Agenzia Territoriale per la Casa del Piemonte centrale (ATC) e che si avvale, inoltre, della collaborazione dell’Ufficio Pio della Compagnia di San Paolo.

Il progetto è stato attivato a inizio 2014 ed è tuttora in corso.

L’iniziativa si propone di attivare, attraverso il reclutamento di soggetti appartenenti a determinate categorie (ex detenuti, richiedenti asilo politico iscritti al Centro per l’impiego, soggetti svantaggiati segnalati dai servizi sociali), un servizio finalizzato alla realizzazione di interventi di edilizia residenziale popolare e alla movimentazione di mobili e arredi di recupero, che verranno riallocati in favore dei richiedenti in base alle indicazioni fornite dai servizi sociali; a beneficiare di tali servizi sono alcune categorie di individui, appartenenti alle fasce di reddito più basse che, facendo una specifica richiesta, possono usufruire gratuitamente di tali interventi.

Tale servizio – quando erogato nei confronti dei soggetti svantaggiati dal punto di vista socioeconomico – è fornito gratuitamente dai soggetti reclutati.

Il progetto P.E.N.S.O. intende così concedere l’opportunità alle famiglie del territorio e alle reti di soggetti di scambiarsi risorse e competenze attivando sinergie, oltre a favorire un dialogo fertile fra società civile, servizi sociali e istituzioni.

L’obiettivo finale è quello di contrastare le diverse forme di povertà che compromettono la qualità della vita delle persone disagiate, rispondendo così alla contrazione delle risorse destinate al sistema di welfare conseguenti alla crisi economica che ha colpito il Paese. Contrastare la povertà, dunque, concedendo al tempo stesso un’ulteriore chance lavorativa e di reinserimento sociale ai soggetti svantaggiati segnalati dai servizi sociali, fra cui gli ex detenuti.